Case e studi delle persone illustri dell'Emilia-Romagna

Illustri in pillole

In Emilia-Romagna il Settore Patrimonio culturale della Regione ha individuato più di 90 realtà interessate dalla Legge regionale n. 2/2022, la normativa che mira al riconoscimento e alla valorizzazione delle Case e studi delle persone illustri: sono case museo, dimore, abitazioni, studi e archivi di artisti, letterati, musicisti, cineasti, scienziati, inventori, collezionisti, personaggi storici e famiglie illustri, risalenti in prevalenza agli ultimi due secoli.

Per presentare “in pillole” un panorama così vasto, queste realtà sono raccolte qui per brevi schizzi, quasi dei post, in modo da comporre un mosaico “in progress” che, tessera dopo tessera, è destinato a contemplarle tutte, insieme ai 
luoghi e ai paesaggi culturali in cui sono inserite. 


Casa dell’Upupa - Ilario Fioravanti

Casa dell'Upupa - Ilario-Fioravanti, Sorrivoli di Roncofreddo - foto di Luca BacciocchiLa Casa dell’Upupa, a Sorrivoli di Roncofreddo, fu acquistata negli anni ’60 da Ilario Fioravanti, quando l’artista e architetto cesenate, nato un secolo fa, era in cerca di un luogo ospitale per sé e per le sue creazioni.
A dieci anni dalla sua scomparsa, con la mostra permanente di centinaia di sculture e opere su carta e il giardino d’artista disseminato di bronzi, la Casa è anche il fulcro del museo diffuso che si può attraversare camminando per le vie dello splendido borgo affacciato sulla Valle del Rubicone.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Artisti

Villa Saffi

Villa Saffi, Forlì - foto di Luca BacciocchiAlle porte di Forlì, verso la metà dell’800, Villa Saffi era un luogo di incontro segreto dei Carbonari che cospiravano per la libertà dell’Italia, tanto da avere un nome in codice: “Vendita dell’Amaranto”.
Fu la residenza di Aurelio Saffi fino al 1890, anno in cui questo protagonista del Risorgimento si spegneva, e più volte ospitò tra le sue mura l’amico Giuseppe Mazzini, di cui è considerato l’erede politico. Conserva oggetti, libri, cimeli e arredi di una vita spesa, insieme alla moglie Giorgina Craufurd, in favore del progresso civile e politico.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Personaggi storici

Archivio Cesare Leonardi

Archivio-Cesare-Leonardi_Modena_foto-Joseph-Nemeth.jpgL’Archivio Cesare Leonardi, gestito dall’associazione culturale fondata da allievi e collaboratori dell’“architetto degli alberi”, tutela la sua casa-studio-officina e divulga le sue opere.
La casa ha sede nel Villaggio Artigiano Modena Ovest, il primo del genere realizzato in Italia, ed è costruita in modo da integrare vita e lavoro in un edificio caratterizzato dalla continuità visiva tra spazi interni e giardino esterno. Tutti i mobili sono realizzati con le tavole di abete verniciate in giallo tagliate da Leonardi stesso nell’ambito del progetto ventennale “Solidi”.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Artisti

Palazzo Tozzoni

Palazzo-Tozzoni_Imola_foto-Luca-Bacciocchi.jpgAbitato per cinque secoli dalla stessa famiglia, oggi Palazzo Tozzoni fa parte integrante dei Musei civici di Imola. Percorrendo le sue stanze perfettamente conservate, dal salone e dagli appartamenti del piano nobile agli spazi più privati dei salotti e della biblioteca, fino a scendere nella cucina e nelle cantine, si può viaggiare nei vari modi di abitare che si sono avvicendati nel tempo e guardare da vicino come sono cambiati i gusti del collezionismo, le mode e le scelte di arredamento.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Famiglie

Casa Museo Raffaele Bendandi

Casa-Museo-Raffaele-Bendandi_Faenza_foto-Luca-Bacciocchi.jpgA Faenza la Casa Museo Raffaele Bendandi racconta la storia singolare di uno scienziato e inventore autodidatta, che aveva una passione particolare per le orbite lontane degli altri pianeti e per le scosse telluriche del nostro.
Ammesso nella Società Sismologica Italiana nel 1920, Bendandi mise a frutto le sue abilità di orologiaio e giocattolaio per costruire i sismografi artigianali che oggi si possono vedere all’opera nelle stanze della sua dimora-osservatorio, insieme al planetario realizzato in suo onore dal padre francescano Giovanni Lambertini.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Scienziati e Inventori

Casa natale Giuseppe Verdi e Villa Verdi

Villa-Verdi_SantAgata_foto-Luca-BacciocchiNella pianura tra Parma e Piacenza, dove Giuseppe Verdi era di casa, l’itinerario alla scoperta del grande musicista inizia con l’esperienza multimediale offerta dalla dimora in cui nacque, a Roncole di Busseto, dove apprese le prime note sulla sua spinetta.
Andando da qui verso il Po si arriva a Sant’Agata di Villanova sull’Arda, dove Verdi, divenuto ormai celebre, acquista una villa immersa nella campagna, rifugio prezioso in cui coltiva in pace la sua arte, mentre battezza gli alberi più grandi con il nome delle opere predilette: la quercia Trovatore, il salice Traviata, il platano Rigoletto.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Musicisti e Cantanti

La Casa Rossa di Alfredo Panzini

Casa Rossa di Alfredo Panzini, Bellaria - Igea Marina - foto di Luca BacciocchiLa Casa Rossa di Bellaria-Igea Marina, sul litorale riminese, è stata per anni la casa di vacanza e il rifugio appartato dello scrittore Alfredo Panzini, autore di romanzi di successo nei primi decenni del Novecento e compilatore del celebre Dizionario Moderno.
Qui, a due passi dal mare, lo raggiungevano gli amici più cari, da Renato Serra a Marino Moretti. Qui partivano e si concludevano le sue passeggiate con l’inseparabile bicicletta. Oggi gli allestimenti interni dell’artista Claudio Ballestracci rievocano, stanza per stanza, le immagini e le opere di una vita dedicata alla scrittura.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Letterati

Villa Braghieri

Villa Braghieri, Castel San Giovanni - foto di Luca BacciocchiCon le sue 23 stanze elegantemente decorate, Villa Braghieri, a Castel San Giovanni, racconta come viveva la nobilità piacentina quando dimorava fuori città. Camminare al suo interno è come percorrere un viaggio a ritroso nei secoli e nei costumi passati: dal Salotto Rosso alla Camera Svizzera, dal Salone d’onore alla Sala del Biliardo, fino al Bagno Rosa, alla Camera dell’Angelo e a quella dei Forestieri.
Senza dimenticare il parco circostante, con i suoi numerosi esemplari antichi di tasso, pianta dalla crescita lenta e dalle proprietà “magiche”.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Famiglie

Casa Museo Remo Brindisi

Casa Museo Remo Brindisi, Lido di Spina, Comacchio - foto di Luca BacciocchiLa Casa museo lasciataci dall’artista Remo Brindisi, immersa nella pineta di Lido di Spina, è un luminoso concentrato di arte novecentesca sotto forma di edificio.
Progettata dall’architetto Nanda Vigo, la villa ha il suo cuore di luce nel grande vano cilindrico centrale che, un piano dopo l’altro, collega gli spazi dedicati all’abitazione, al laboratorio creativo e all’esposizione delle opere provenienti dalle principali correnti artistiche del secolo scorso, comprese quelle di Brindisi stesso.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Artisti

Casa Moretti

Casa Moretti, Cesenatico - foto di Luca BacciocchiA Cesenatico, sull’acqua del porto canale, si specchia anche la casa che fu dello scrittore Marino Moretti. È qui che all’alba del Novecento mise su carta i suoi primi versi: “poesie di tutti i giorni”, “scritte col lapis”, ossia con la matita, per opporre alla magniloquenza del passato una nuova essenzialità.
Oggi Casa Moretti è un museo e un centro culturale attivo, dove la voce del poeta è ancora viva: “Cercatemi in giardino. / Tanto più vero e rozzo / anche in verso, anche in prosa. / Vi fiorisce l’anemone e la rosa, / vi stride la carrucola del pozzo. / E al secchio si berrà come in cammino”.

# Case e studi delle persone illustri dell’Emilia-Romagna > Letterati

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina