Quante storie nella Storia 2022

21.a Settimana della didattica e dell'educazione al patrimonio in archivio

Archivio di Stato di Parma

Nell'ambito della Ricerca di Interesse Nazionale FONTES l'Archivio organizza una mostra dedicata a Smeraldi, ingegnere, architetto e cartografo dei Farnese, e un seminario sulla cartografia storica al tempo della fruizione digitale

ARCHIVIO DI STATO DI PARMA


Itinerari di Smeraldi. Rappresentazione e governo del territorio nell’opera di un cartografo farnesiano (1580-1634)

5 maggio ore 14,00-17,00
Archivio di Stato di Parma - Strada Massimo d'Azeglio 45, Parma

Mostra cartografica e Seminario Dalla pergamena al pixel

Passo dopo passo, giorno dopo giorno, Smeraldo Smeraldi, ingegnere, architetto e cartografo dei Farnese, ha lasciato un’impronta profonda e significativa sul territorio dei ducati di Parma e Piacenza. Il suo incessante operare lungo i confini nordorientali (1588-1634) è testimoniato da carte, relazioni, disegni, progetti sui quali è ancora intento, ormai ottuagenario, a pochi giorni dalla morte. Su incarico del duca, o della Congregazione dei cavamenti, parte quasi ogni mattina per le sue visite, a volte coadiuvato dai figli Ettore e Giacinto. In carrozza, a cavallo, in barca o a piedi, si reca sulle mobili terre contese alle acque del Po, ai feudatari minori, ai domini confinanti. La lettura di diari e cartografie rivela il farsi della trama di conoscenze e interventi che delineano l’assetto del territorio e, con il fluire del tempo, il paesaggio. Un palinsesto la cui importanza è riconosciuta in ambito tecnico ben oltre l’epoca farnesiana: ancora nel XIX secolo mappe e corografie di Smeraldo vengono riprodotte e studiate.

L’esposizione “Itinerari di Smeraldi”, curata da Lucia Masotti e Fabio Stocchi e accompagnata dal Seminario interdisciplinare Dalla pergamena al pixel. La cartografia storica al tempo della fruizione digitale, rappresenta l’atto di apertura della Ricerca di Interesse Nazionale FONTES. Fonti geostoriche per la conoscenza e la gestione del rischio culturale e ambientale. Rinnovate prospettive metodologiche e nuovi interrogativi sono avanzati a sollecitare una ricerca sistematica sulle cartografie prodotte, nel tempo, per il governo delle regioni fluviali. La poliedricità dell’operare e dei saperi di Smeraldi è assunta come mezzo irrinunciabile per seguire le sue orme sulle carte e, oltre l’immagine, per percepire il gioco di riflessi del potere.

Iniziativa in presenza, non è richiesta la prenotazione.

La mostra sarà visitabile fino al 29 luglio 2022 negli orari di apertura dell’Archivio di Stato di Parma: lunedì, mercoledì e venerdì ore 9,00-13,00; martedì e giovedì ore 9,00-17,00.


Recapiti per informazioni:

Telefono:  0521 23 31 85 (Martedì, Giovedì) / 0521 23 54 87 (Lunedì, Mercoledì, Venerdì)

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/05/02 22:10:00 GMT+2 ultima modifica 2022-05-04T09:32:27+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina