Piani 2022 in materia di Biblioteche Archivi e Musei (L.R.18/2000)

Progetti in materia di musei, biblioteche e archivi. Annualità 2022 e 2023

Il termine per l'invio della dichiarazione di ultimazione degli interventi 2022 degli enti locali tramite la piattaforma Sfinge è stato prorogato al 30/01/2023. Qua le istruzioni sintetiche (pdf400.52 KB) sulla procedura da seguire.

La chiusura a regime dell'IBC, la piena ripresa delle attività degli istituti culturali dopo l'emergenza sanitaria del biennio precedente, l’avvio dei progetti del PNRR riguardanti la cultura (il Piano nazionale borghi, parchi, giardini storici, il patrimonio architettonico e paesaggistico rurale, la rimozione delle barriere architettoniche e cognitive, la digitalizzazione del patrimonio culturale regionale, il PND-Piano nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale e i relativi bandi), i riflessi locali di avvenimenti internazionali (libri per i rifugiati ucraini) costituiscono le premesse istituzionali ed operative che hanno contributo in parte a determinare il differimento dell’avvio delle procedure per l’elaborazione dei piani (bibliotecario e museale) 2022 e ad influenzarne in parte i contenuti.
In attesa della conclusione dell’iter di approvazione del nuovo programma pluriennale, come previsto dalla L.R. 18/2000, nei piani si fa riferimento alle linee di indirizzo precedenti ancora in vigore, i cui obiettivi generali sono lo sviluppo e il potenziamento dell’organizzazione museale e dell’organizzazione bibliotecaria regionali e il raggiungimento dei livelli uniformi di qualità per i musei e per le biblioteche.

I piani sostengono i progetti presentati dagli enti locali (comuni, unioni di comuni, province e città metropolitana) riguardanti gli istituti di cui sono titolari, gli interventi diretti regionali (studiati e progettati dal Settore Patrimonio culturale e dall’Area biblioteche e archivi), nonché i programmi di soggetti privati per alcune tipologie di biblioteche e di archivi. Le modalità attraverso le quali si sostanzia l’intervento regionale vanno dal finanziamento di progetti a seguito di avvisi (per enti locali e per soggetti privati; per questi ultimi, gli esiti sono stati approvati con successiva e distinta deliberazione), stanziamenti per interventi diretti della Regione e convenzioni per l’acquisto di fondi di pregio.

Per quanto riguarda i finanziamenti ai progetti proposti dagli enti locali, sono stati ripartiti su quattro aree di intervento, corrispondenti ad altrettante schede compilate in fase di richieste, relative a:

A1: dotazioni tecnologiche e/o rinnovo di attrezzature informatiche (con particolare riferimento – per le biblioteche – ai servizi facilitazione digitale per i cittadini nell’ambito della Rete dei servizi di facilitazione digitale prevista dal PNRR e – per i musei – a reti wi-fi, siti web e servizi online);

A2: sedi, servizi e allestimenti degli istituti culturali;

B: valorizzazione e promozione del patrimonio culturale;

C: catalogazione del patrimonio (solo per i musei);

D: conservazione e restauro del patrimonio (con priorità ai musei).

Piani degli anni precedenti 

Vedi programmazione in materia di beni e istituti culturali degli enti locali o di interesse locale

A chi rivolgersi

Maria Cristina Zappata (P.O. e amministrazione)
mariacristina.zappata@regione.emilia-romagna.it 

segreteria Piano bibliotecario e archivistico 

tel. 051 527 66 35 e-mail biblioarchivi@regione.emilia-romagna.it 

segreteria Piano museale 

tel. 051 527 66 55 e-mail patrimonioculturale@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-01-19T13:25:14+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina