Quante storie nella Storia 2021

20a Settimana della didattica e dell'educazione al patrimonio in archivio

ISTORECO Reggio Emilia

In occasione della Settimana ISTORECO condivide due video realizzati nell’ambito del progetto “Buco Nero”, che rievocano le violenze squadriste nel reggiano a 100 anni dai fatti accaduti

ISTORECO - ISTITUTO STORICO PER LA RESISTENZA E LA SOCIETÀ CONTEMPORANEA IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA


Buco nero, 100 anni fa le violenze squadriste a Reggio Emilia

In occasione della Settimana ISTORECO condivide due video realizzati nell’ambito di “Buco Nero”, progetto condotto in collaborazione con CGIL Reggio Emilia, Legacoop Emilia Ovest, Comune di Reggio Emilia, Anppia Reggio Emilia, ANPI Provinciale Reggio Emilia.

I filmati rievocano due tra i più efferati episodi delle violenze squadriste a Reggio Emilia e nel territorio reggiano, a un secolo dai fatti accaduti.

  • L’incendio della Cooperativa di San’Ilario (27 febbraio 1921)video

Il video racconta l’attacco alla sede della Cooperativa di Consumo di Sant’Ilario d’Enza da parte delle squadre fasciste il 27 febbraio 1921: si tratta del primo attacco squadrista ad una cooperativa nella provincia reggiana. L’edificio fu dato alle fiamme e per le ferite conseguenti perì il comandante dei vigili del fuoco intervenuti a sedare l’incendio. L’iniziativa rientra tra i contributi on line legati ai temi della memoria, dei diritti e della conoscenza della storia della propria comunità realizzati nel 2021 a Sant’Ilario grazie alla collaborazione tra Amministrazione comunale, ANPI locale e ISTORECO.                                                                                                                                                         

  • 8 aprile 1921. La violenza squadrista a Reggio Emilia - video

Massimo Storchi rievoca i diversi episodi di violenza squadrista avvenuti tra l’8 e il 9 aprile 1921 nel capoluogo reggiano, tra cui spiccano la devastazione di due dei principali simboli della democrazia e del progetto politico di socialismo riformista avviato a Reggio dalla fine dell’Ottocento: Palazzo Ancini, sede della Camera del Lavoro e delle cooperative, e la tipografia del periodico “La Giustizia”, settimanale fondato e diretto nel 1886 da Camillo Prampolini, che per quarant’anni, fino al 1925, fu la voce del socialismo reggiano e del socialismo riformista italiano. 


Recapiti per informazioni

Telefono: 0522 43 73 27
E-mail: staff@istoreco.re.it / michele.bellelli@istoreco.re.it
Istituto storico per la resistenza e la società contemporanea in provincia di Reggio Emilia 
Facebook: @istorecoreggioemilia 
YouTube: istorecoreggioemilia

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/04 13:32:00 GMT+2 ultima modifica 2021-05-02T22:10:52+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina