A tu per tu con il patrimonio

Brevi incontri ravvicinati con oggetti e luoghi che raccontano le ricchezze culturali dell'Emilia-Romagna

Immaginiamo un grande gomitolo che intreccia tanti fili, tutti diversi e tutti colorati. Se dipanarlo per intero non si può, possiamo almeno estrarne un tratto alla volta e osservarlo con calma, ascoltando cosa ci racconta: da dove proviene, di cosa è fatto, chi l'ha creato? 
Il nostro patrimonio culturale è un infinito intreccio di meraviglie: queste storie brevi sono altrettanti fili, da guardare a tu per tu e da toccare con le proprie mani, per rendersi conto di quanto è prezioso e di quanto ci appartiene. 

Del resto, “pensare al passato o a un mondo remoto attraverso le cose è sempre un processo di ri-creazione poetica”: parola di Neil MacGregor, lo storico dell’arte che, dopo aver diretto grandi musei, ha riconosciuto il ruolo decisivo dell’immaginazione nel rendere felici i nostri incontri con i prodotti dell’attività culturale.
Perché i testi critici e le competenze specialistiche sono indispensabili alla conoscenza, “ma poi serve un notevole slancio di fantasia per restituire il manufatto alla sua vita precedente e per instaurare con esso un rapporto generoso, che ci consenta di carpirgli tutte le informazioni che è in grado di offrire”. E con le informazioni, magari, anche le emozioni. 

[Citazione tratta da: Neil MacGregor, “La storia del mondo in 100 oggetti”, Milano, Adelphi, 2012]

Spinstah - Shadows and light (licenza CC-NA-BY-SA)



A chi rivolgersi


Vittorio Ferorelli
051 527 89 88 - 051 543 347

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina