Domus del Rasoio: approvato il progetto di allestimento

Nel Museo di San Domenico a Imola è al via l’ultima fase di realizzazione della nuova sezione archeologica, sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna

Il Comune di Imola (Bologna) ha di recente approvato il progetto esecutivo che, anche grazie al contributo garantito dalla Regione Emilia-Romagna con il Piano museale 2022 della Legge 18/2000, dà avvio ai lavori di allestimento dello spazio in cui il pubblico potrà ammirare lo scavo archeologico a vista della “Domus del Rasoio”.

Rinvenuta quasi venti anni fa durante i lavori di recupero del complesso architettonico di San Domenico, l’area archeologica racchiude testimonianze di oltre duemila anni di storia imolese, partendo dai mosaici e dai reperti pertinenti a una domus romana di età imperiale, per arrivare fino alle tracce della prima presenza domenicana, a un’officina medievale e al refettorio conventuale. Tra i ritrovamenti più significativi emersi nello scavo spicca il rasoio in bronzo con impugnatura a testa di pantera, da cui l’area prende il nome.

L’ambiente, oltre a essere il punto culminante nel percorso espositivo della nuova sezione archeologica del Museo di San Domenico, è la parte progettuale più avanzata della riqualificazione del primo chiostro, iniziata nel 2021 e finanziata con risorse regionali ed europee in aggiunta a quelle del Comune e della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Con i lavori di allestimento museografico della Domus del Rasoio, affidati all’architetto Camilla Fabbri (studio Siroscape Architettura di Forlì), prende il via l’ultima fase dei lavori prima dell’apertura al pubblico, prevista per l’estate del 2023.

I lavori prevedono uno spazio fruibile lungo tutti e quattro i lati della sala attraverso passerelle sospese, dalle quali si potranno vedere l’area di scavo e i mosaici pavimentali appositamente restaurati e ricollocati in loco. Appoggiate al parapetto e addossate alle pareti, alcune teche illuminate, pensate come piccoli scrigni, mostreranno i reperti rinvenuti durante lo scavo, e in particolare il celebre rasoio, a cui sarà riservato un accento espositivo speciale.

L’intero allestimento ruoterà intorno alla proiezione di un video appositamente commissionato dai Musei Civici di Imola: la visione permetterà di ripercorrere la storia del sito archeologico e di comprenderne appieno la struttura attraverso ricostruzioni in 3D. Durante la proiezione le varie porzioni dello scavo saranno sottolineate anche grazie a un sistema di illuminazione studiato in modo da coordinarsi con i contenuti del racconto.

Musei Civici di Imola / Museo di San Domenico

Regione Emilia-Romagna / Settore Patrimonio culturale / Piani, programmi e interventi: Legge regionale 18/2000

Azioni sul documento

ultima modifica 2022-12-28T09:30:00+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina