venerdì,  8 ottobre 2021

Luzzati. I colori del tempo

Il Museo Ebraico di Bologna celebra il maestro in occasione del centenario della nascita

Si inaugura domenica 10 ottobrenell’ambito della Giornata Europea della Cultura Ebraica, al MEB-Museo Ebraico di Bologna la mostra Luzzati. I colori del tempo.
L'esposizione, a cura di Vincenza Maugeri e Caterina Quareni, è realizzata in occasione del centenario della nascita del maestro e propone circa 30 opere, di proprietà del Museo e di collezionisti pubblici e privati, in alcuni casi per la prima volta esposte al pubblico. 
Otto grandi tavole dedicate alle feste ebraiche e ai momenti chiave dell’esistenza umana costituiscono il corpo centrale e più vistoso di questa mostra che il MEB dedicata a Emanuele Luzzati, scomparso nel gennaio 2007. Intorno a esse ruota una ricca serie di altri lavori che testimoniano l’ampiezza degli interessi e delle tecniche espressive utilizzate dall’artista ebreo genovese.
Luzzati amava la qualifica di “illustratore”, colui che attraverso le immagini commenta, esalta, celebra la Storia e le storie di uomini, donne e bambini, animali, personaggi fiabeschi, figure leggendarie. Tra arte e artigianato, esprime così la ricchezza del suo mondo fantastico, l'immediatezza ed espressività del suo stile personalissimo, che ne hanno fatto uno degli artisti più amati e ammirati del nostro tempo.
C'è la testimonianza del suo rapporto speciale con il Teatro, che si esprime prevalentemente attraverso l'attività di scenografo e costumista nella prosa, nell'opera lirica e nel balletto. Ritroviamo il Luzzati ceramista, una scelta ben precisa dell'artista che ebbe il momento di maggiore attività tra gli anni Cinquanta e Settanta. Sono esposte in particolare alcune scene del ciclo di sette ceramiche dedicato alla leggenda di Teodorico, realizzato da Luzzati nel 1956 per un Hotel di Ravenna e ora di collezione privata. Inediti in mostra i quattro bozzetti originali realizzati dal maestro in occasione della quarta edizione di "Tende al Mare" (2001), rassegna d'arte che nasce a Cesenatico nel 1998 per volere di Dario Fo. La scelta di Luzzati cadde sul filone musicale, scegliendo personaggi tratti dalle opere di Rossini e Mozart. Sono esposte anche due opere che fanno parte della raccolta di 41 tavole ispirate al poema Orlando innamorato, commissionate dal Comune di Scandiano nel 1994 per celebrare il cinquecentenario della morte di Matteo Maria Boiardo. 
Infine il cinema d'animazione: in mostra si proiettano alcuni film di animazione, tra cui Il flauto magico, per il quale l’autore ha ottenuto una delle sue due nomination agli Oscar.
La mostra è accompagnata dal volume Emanuele Luzzati. I colori del tempo. Otto scene di vita ebraica, a cura di Vincenza Maugeri e Caterina Quareni, edito da Marietti 1820 (2021).

Le opere di Luzzati conservate presso il Museo, e presenti in mostra, sono state catalogate e sono fruibili su PatER Catalogo del Patrimonio culturale delle Regione Emilia-Romagna a questo link https://bit.ly/3rk6VGr. Sempre su PatEr è possibile visionare il censimento dei 20 cimiteri ebraici presenti in Emilia-Romagna, insieme al patrimonio di lapidi e di cippi che conservano (link: https://bit.ly/3iDWzyi). La pubblicazione, frutto di un progetto pluriennale tra il MEB e l'IBC (ora Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna), sarà presentata con un evento online dedicato il 22 ottobre, dalle ore 15.

La mostra è aperta al pubblico dal 10 ottobre 2021 al 9 gennaio 2022.
Da domenica a giovedì: 10.00 -17.15 |venerdì: 10.00 -15.30 |sabato e festività ebraiche chiuso
Il prezzo del biglietto: 7 euro intero | ridotto 5 euro studenti, over 65, Card Cultura Bologna | acquistabile anche online su www.museoebraicobo.it
Il biglietto dà l’accesso alla mostra e alla sezione permanente del MEB
Visite guidate per gruppi
Per prenotare scrivere a didattica@museoebeaicobo.it o telefonare a 0516569003.



Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina