La Pinacoteca di Faenza riapre le porte

Dall'11 dicembre l’istituto culturale più antico della città è restituito al pubblico, rinnovato negli allestimenti e nel percorso espositivo

Sabato 11 dicembre 2021 riapre la Pinacoteca comunale di Faenza: dopo un periodo di chiusura dedicato a una rivisitazione generale del percorso espositivo, l’istituto culturale più antico della città si ripresenta al pubblico in una forma rinnovata. L'intervento sugli spazi di via Santa Maria dell’Angelo (progetto di allestimento: Studio Lucchi e Biserni; immagine e comunicazione: Ivana Pantieri) ha ridefinito il percorso espositivo del museo, mettendo l'accento sull'attenzione al visitatore e sulla valorizzazione delle opere, con l’obiettivo di illuminarne la preziosità e di restituire alla visita le qualità di un'esperienza memorabile. 

Sono quasi duecento le opere esposte, in un arco temporale che dall’alto Medio Evo arriva ai giorni nostri con le sezioni dedicate all’arte moderna e contemporanea, che espongono fondi di pittura e scultura dell’Ottocento e Novecento italiani. Fulcro del percorso espositivo è la sezione di arte antica, che, oltre a conservare reperti della storia cittadina, documenta più di sette secoli di produzione artistica locale. Al Maestro dei Crocifissi francescani, a Giovanni da Rimini, a Donatello e alle opere delle epoche rinascimentale e moderna, fanno da contraltare gli artisti del Cenacolo Baccariniano, ideale introduzione alla fulgida stagione del Novecento italiano, testimoniato dalla donazione "Bianchedi Bettoli Vallunga".

La Pinacoteca comunale di Faenza fu aperta al pubblico nel 1879, sebbene la sua istituzione si possa far risalire a quasi un secolo prima, quando nel 1797 la Municipalità acquistò una consistente raccolta di stampe, disegni, gessi e quadri da Giuseppe Zauli, fondatore della Scuola comunale di disegno. Le raccolte furono incrementate in seguito alle soppressioni napoleoniche degli ordini religiosi, a cui si deve il cospicuo corpus di opere a carattere religioso e di grandi pale d’altare. Grazie ad acquisizioni, donazioni e campagne di acquisto sul mercato antiquario, il museo si è via via arricchito dei capolavori che oggi ne raccontano la storia. 

L'inaugurazione dell'11 dicembre si apre alle ore 17 con i saluti delle autorità e la presentazione del nuovo percorso espositivo, a cui seguiranno il taglio del nastro e la visita alle collezioni. Intervengono: Massimo Isola, sindaco di Faenza; Benedetta Diamanti, dirigente del Settore Cultura del Comune; Mauro Felicori, assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna; Giorgio Cozzolino, direttore della Direzione regionale Musei Emilia-Romagna; Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi di Firenze. 

Dal 12 dicembre la Pinacoteca sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica. Fino al 6 gennaio 2022 la visita sarà gratuita per i residenti nel Comune di Faenza: un modo per ringraziare i cittadini dell'attenzione e della pazienza con cui hanno atteso la riapertura. 


Informazioni
> telefono: 0546 680 251
> email: pinacoteca@romagnafaentina.it

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina