Klimt e i maestri “segreti” della Ricci Oddi

Fino al 9 gennaio 2022 la Galleria Ricci Oddi di Piacenza dedica un progetto espositivo al "Ritratto di Signora" di Gustav Klimt

Fino al 9 gennaio 2022, alla Galleria Ricci Oddi di Piacenza, è possibile visitare il progetto espositivo dedicato al celebre dipinto di Gustav Klimt Ritratto di Signora (1916-17). Il quadro del maestro austriaco, oggetto di un furto nel 1997 e di un fortuito ritrovamento nel 2019, è al centro di nuovo allestimento all’interno della collezione d’arte moderna insieme al disegno Ritratto di vecchio (1917), esposto solo una volta prima d’ora.
Cinque maestri “segreti” novecenteschi della Ricci Oddi accompagnano Klimt con le loro opere : si tratta di Agro di Rovetta, 1924, di Arturo Tosi; Natura morta, 1926, di Gianfilippo Usellini; I pagliai, 1929, di Carlo Carrà; Natura morta, 1930, di Pietro Marussig; Vaso di fiori, 1930, di Filippo de Pisis; Donne in barca, 1933-34 di Felice Casorati.
Il fil rouge che lega questi dipinti è l’approfondimento dei percorsi espressivi e dei linguaggi del figurativo che si svilupparono in Italia nel decennio successivo alla morte dell’artista e prima dell’esplosione della poetica Informale. La mostra, curata da Elena Pontiggia, intende omaggiare anche il collezionista Giuseppe Ricci Oddi, il cui pensiero è, a oggi, ancora moderno e attuale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/10/01 14:16:57 GMT+2 ultima modifica 2021-10-01T14:16:57+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina