giovedì,  5 agosto 2021

Il Museo del Territorio di Riccione diventa più interattivo con due App

L’esperienza museale cambia grazie alle tecnologie di realtà aumentata e virtuale

Entrare al Museo del Territorio “Luigi Ghirotti” significa da oggi vivere un’esperienza innovativa e travolgente perché cambia e si arricchiscono la visita e la conoscenza dei reperti esposti.  Attraverso due App, realizzate a misura del Museo riccionese, il visitatore potrà avventurarsi in un affascinante e sorprendente percorso interattivo dove i fossili, dalle teche, diventano personaggi immersi in un mondo tridimensionale.  

Con il progetto “ Storie di fiume e di mare”, reso possibile dall’App “Museo di Riccione XR”, viene proposta al pubblico un’esperienza di storytelling interattiva composta da 14 storie tratte da altrettanti fossili, di cui 13 raccontate attraverso la tecnologia della realtà aumentata (AR), e una quattordicesima, a chiusura del percorso, vissuta in realtà virtuale. I fossili contenuti nelle teche provengono dai siti di Monte Castellaro, Serbadone e dal lago pleistocenico del Conca. Grazie alla combinazione di tecnologie analogiche e digitali viene data voce alla collezione dei reperti esposti avvicinando il pubblico ad una visita più intima e fantastica, a partire dai bambini grandi fruitori della struttura museale.  Semplice è la modalità per vivere questa straordinaria esperienza.

Basta puntare il proprio smartphone verso 13 indicazioni nella pavimentazione del museo per avviare in automatico la narrazione tridimensionale con la tecnologia della realtà aumentata. A quel punto compare sul proprio dispositivo cellulare una roccia, che si dischiude rivelando al suo interno l’animale o la pianta a cui appartiene il fossile esposto. Il visitatore potrà vivere questo percorso attraverso il proprio cellulare o con un visore cardboard messo a disposizione dal museo. Con dei visori speciali si potrà invece vivere in realtà virtuale l’incontro con la mascotte del museo, il “Bison Priscus” risalente a 200.000 anni fa.

La realizzazione del progetto, messo a punto dall’agenzia La Jetée di Firenze in collaborazione con il CNR di Pisa e gli attori della compagnia “Il paracadute di Icaro” che hanno dato voce ai 13 personaggi, si intreccia ad un’altra nuova esperienza avviata recentemente dal Museo.

E’ l’App Artplace Museum, messa a punto da SmartFactory, una startup specializzata nello sviluppo di soluzioni smart applicate all’arte, alla cultura e al turismo. L’applicazione mobile raccoglie nella stessa piattaforma musei, gallerie d’arte, borghi e parchi archeologi di tutta Italia. Al Museo di Riccione sono oltre 200 i visitatori che, dalla sua attivazione avvenuta lo scorso aprile ad oggi, hanno scaricato gratuitamente l’app, sia in versione IOS che Android, dove sono disponibili in 4 diverse lingue (oltre l’italiano, inglese, tedesco e francese) i testi prodotti dagli esperti del Museo. In alternativa al testo, c’è l’audio, che racconta e descrive il contenuto di 21 periodi storici presenti nel Museo. Si parte dall’era Precambriana fino ad arrivare all’età Romana. Un centinaio le tavole illustrative e finemente colorate, contenute nelle teche e realizzate ex novo durante i mesi della pandemia assieme alla rivisitazione dei testi descrittivi e alla ridisposizione dei reperti. 

Il progetto complessivo ha richiesto un investimento di 35.500 euro, di cui 13.000 euro finanziati dalla Regione Emilia-Romagna come previsto dai piani bibliotecari e museali per l’anno 2020 ed è stato condiviso con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna Forlì-Cesena e Rimini.

"Il Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna - dichiara la responsabile del Servizio Cristina Ambrosini -  ha sostenuto con convinzione questo progetto nell’ambito della legge regionale 18/2000. Nel periodo drammatico e impegnativo che ancora stiamo vivendo a causa della pandemia il tema della digitalizzazione ha mostrato il suo potenziale offrendo l’opportunità ai musei di continuare a dialogare con i propri pubblici aprendo ulteriori ambiti di relazione. Abbiamo compreso che la vera sfida non consiste nella replica del mondo reale nel virtuale, ma nello sviluppo di formati e forme specifici per fare in modo che i due mondi siano correlati e integrati nell’esperienza del visitatore. Per questo la Regione oltre a sostenere finanziariamente i musei in questo percorso, nell’ambito del Sistema museale regionale, punta a rafforzare le competenze degli operatori museali per creare un sistema di relazioni tra cultura, ricerca e il mondo imprenditoriale, ingredienti imprescindibili per rispondere in modo sinergico alle esigenze della contemporaneità e per stimolare una progettualità regionale condivisa. Il Museo del Territorio di Riccione, oggi, ha intrapreso questa strada dimostrando come il digitale possa accrescere la missione educativa dei musei, rinnovandone la componente narrativa e contribuendo alla produzione di nuova conoscenza”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/08/05 16:38:00 GMT+2 ultima modifica 2021-08-05T16:42:37+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina