Boom! Pubblicità arte e design tra gli anni Sessanta e Settanta

Dall'11 dicembre il Quartiere Santo Stefano di Bologna ospita un’esposizione dedicata alle pubblicità che hanno fatto la storia del costume e del design italiano

Dall’11 dicembre 2021 al 13 gennaio 2022 la Sala museale “Possati”, presso il Quartiere Santo Stefano di Bologna, ospita un’esposizione dedicata alle pubblicità che hanno fatto la storia del costume e del design italiano. La mostra "Boom! Pubblicità e design tra gli anni Sessanta e Settanta" offre un percorso espositivo tra manifesti pubblicitari, serigrafie, elementi di arredo e pezzi di design provenienti da collezioni private, con l’obiettivo di ricordare una rivoluzione stilistica, comunicativa e culturale che costituì l’inizio del fenomeno della comunicazione di massa, individuandone al contempo i principali vettori.
L'esposizione presenta due sezioni monografiche, dedicate alla Olivetti e all’opera di Armando Testa: un’azienda e un’agenzia di pubblicità che hanno cambiato profondamente l’immaginario visuale del design e dell’advertising.

"Boom!" pone l’accento sullo sviluppo del linguaggio della pubblicità e sul rapporto tra arte contemporanea e produzione industriale, nel momento in cui la sperimentazione artistica entrava a far parte della quotidianità, grazie anche alla produzione pubblicitaria innovativa e dirompente, che diventava parte della cultura popolare.
Nuove figure, come l’ippopotamo Pippo, la Mucca Carolina, Susanna tutta Panna o Carmencita del caffè Paulista si impongono nell’imaginario comune, con la complicità del programma televisivo Carosello. Umberto Eco sosteneva che si trattava di personaggi deboli che non erano portatori di un’idea chiara e definita; grazie a questa loro apparente debolezza comunicativa, sono diventati vere e proprie icone indipendenti dal prodotto per cui nascevano, emblema ancora oggi dell’epoca che li produsse.

La mostra è curata da Carlo Terrosi, presidente della Cooperativa Le Macchine Celibi, con la consulenza scientifica di Carlo Branzaglia, docente dell'Accademia di Belle Arti di Bologna.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/12/10 11:16:35 GMT+2 ultima modifica 2021-12-10T11:16:35+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina