Il Teatrino dei bambini di Maria Luigia d’Austria

A Fontanellato un intervento di restauro per tramandare la civiltà teatrale di corte in età ducale e la sua pedagogia

Quando pezzetti del patrimonio culturale rischiano il piano inclinato del pregiudizio conservativo e la comunità locale si attiva per la tutela. È quanto avviene a Fontanellato dove l’Amministrazione locale è da tempo impegnata in un programma di recupero del complesso museale della Rocca Sanvitale e delle sue raccolte.

Gli interventi promossi dal Comune di Fontanellato proseguono in collaborazione con IBACN-Istituto Beni Artistici Culturali Naturali della Regione Emilia-Romagna, ora Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna, grazie ai Piani 2020 – L.R. 18/2000, a cui si aggiunge il sostegno lungimirante di realtà private.

Sotto la lente, questa volta, troviamo il Teatrino delle Marionette appartenuto ai figli di Maria Luigia Asburgo-Lorena e ora conservato in Rocca Sanvitale, nella Sala detta appunto del Teatrino. La tradizione vuole che ad acquistarlo fosse stata la stessa Duchessa in uno dei tanti viaggi in Austria a dimostrazione dell’affetto che la legava alla figlia. Si tratta di un tipico teatrino ottocentesco. Il proscenio neoclassico ospita sotto le insegne asburgiche una piccola corte nobiliare composta da 24 marionette, di 15 cm circa, con varie scene fra interni e boschi.

La natura talvolta girovaga dei suoi artieri, insieme alla condizione effimera degli apparati e al progressivo ritrarsi di un mondo affidato alla tradizione orale, hanno concorso al declino di questi patrimoni. La fragilità dei materiali ha fatto il resto rendendo decisiva l’azione conservativa per la sopravvivenza stessa.

I materiali organici che lo compongono – struttura lignea, fondali in carta e marionette in cartapesta e abiti originali in tessuto – sono particolarmente esposti ad agenti patogeni ed è per questo che ora si rende necessario un intervento di restauro con queste operazioni:

  • pulizia dei materiali
  • disinfestazione da organismi infestanti
  • consolidamento
  • risarcimento estetico
L’intera proposta di restauro porta la firma del laboratorio Aurea Charta di Parma che si avvale inoltre della collaborazione di Alef di Parma per sipario e struttura lignea, e di RT Restauri di Reggio Emilia per l’apparato tessile.

Solo in un’ottica integrata il castello potrà mantenere viva un’identità caratterizzata dalle tante e diverse stagioni della sua storia. Ecco perché anche questo intervento appare strategico. Solo un’azione preventiva di restauro può assicurarlo infatti al dialogo con la Next generation continuando il tramando intorno a una delle pagine più rilevanti di Fontanellato, quella del Ducato di Maria Luigia e della sua dignità europea.

Consulta la Galleria Fotografica

> Scarica l'articolo di approfondimento su Il Teatrino dei bambini di Maria Luigia d’Austria (pdf323.35 KB)pdf166.6 KB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/02/12 16:09:00 GMT+2 ultima modifica 2021-04-06T16:26:05+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina